miglio“Che il cibo sia la tua unica medicina” Ippocrate

Il termine “miglio” identifica una grande varietà di cereali a piccoli semi e sembra derivare da mille, per i suoi numerosissimi chicchi, anche se alcuni linguisti propendono per la radice mol-iri, che rimanda invece al macinare. Appartenente alla famiglia delle Poaceae (Graminaceae), il miglio è una delle piante coltivate più antiche e comprende i generi Panicum, Setaria, Echinochloa e Pennisetum. Le numerose classificazioni elaborate si basano principalmente sulle caratteristiche delle cariossidi, dell’infiorescenza e sul colore delle glumelle (Miglio Bianco, Giallo, Bruno ecc.). 

Molto apprezzato all’epoca dei Romani, decantato dalla medicina medioevale, valido aiuto in tempo di carestie così come di assedi, nonché cibo preferito dalle donne gravide (che gli attribuiscono ancor oggi il potere di impedire gli aborti), il miglio ha rivestito nei secoli un ruolo di primaria importanza nell’alimentazione europea. Tuttavia, con l’introduzione del maïs e la graduale meccanizzazione dell’agricoltura, la coltivazione di questo cereale è però stata relegata al consumo animale.

Ma le cose veramente buone non scompaiono e, negli ultimi anni, si è assistito a un ritorno di questo prezioso cereale che, oltre ad essere privo di glutine e quindi adatto per i celiaci, si dimostra essere un valido aiuto  per combattere l’astenia fisica e intellettuale, ed è raccomandato per chi vuole avere capelli brillanti e unghie robuste. Infatti, con il suo elevato contenuto di Fluoro, Zolfo, Fosforo, Magnesio, Potassio, Zinco, di vitamine del gruppo B nonché di acido silicico (indispensabile elemento del tessuto connettivo, la rete di sostegno del nostro organismo), il miglio è il cereale più ricco di sostanze minerali dell’intero pianeta…

Tra le varietà coltivate quello Selvatico o Bruno possiede poi una caratteristica che lo rende ancora più pregiato: a differenza del miglio Dorato, la cui dura scorza non è commestibile, questo non viene infatti decorticato, mantenendo intatto il contenuto di sostanze minerali e di microelementi.

Alchimia Benoit, da sempre attenta alla tradizione e al ben-essere, propone un Miglio selvatico Bio, non OGM, non manipolato né prodotto da processi di ibridazione, coltivato a terra con concimi organici, secondo una coltivazione rispettosa del suolo e dell’ambiente. La macinazione del chicco così ottenuto, non privato della sua scorza, avviene nel mulino Zentrophan, che grazie alla macinazione inferiore ai 30°, permette a tutti gli elementi vitali di rimanere intatti nel prodotto finale. 

Un invito dunque a riportare a tavola questo alleato antico, capace di arricchire sformati, primi piatti, crocchette; ideale per insaporire frutta, muesli, bevande, zuppe… e perché no? per creare originali antipasti… 

ALCHIMIA BENOIT SRL

VIA ALFIERI, 13

10095 GRUGLIASCO (TO)

Tel: +39 011 7707038

Mail: info@alchimiabenoit.it

Web: www.alchimiabenoit.it

 

Per avere e conoscere tutti i prodotti del Marchio BENOIT direttamente dall’AZIENDA ALCHIMA BENOIT: https://www.greencommunication.info/prodotti-erboristici-2/